Fandom

Javapedia

Varl

4 108pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Icona-consultabile.png Questo è un articolo consultabile della Javapedia.

Il soggetto di questo articolo fa parte del brand "Legends".

Varl.jpg
Varl
Astrografia
Regione

Orlo Mediano

Settore

Spazio Hutt

Sistema

Sistema Ardos

Soli
Coordinate

S-11

Informazioni fisiche
Terreno principale
  • Era moderna:
    • Crateri privi d'aria
  • Era storica:
    • Deserti inquinati
  • Era antica:
    • Foreste
    • Oceani
Politica
Specie native
Specie immigrate
Linguaggio/i

In precedenza:

Governo

Impero

Città maggiori

Nessuna

Affiliazioni

Varl era il pianeta natale degli Hutt, dei T'landa Til e (probabilmente) dei Rybeth. Secondo una leggenda Hutt fu devastato da un cataclisma che ne vaporizzò l'atmosfera e ne distrusse le lune, come anche ogni altro pianeta del suo sistema stellare.

Storia

Storia antica

Varl era uno dei tanti mondi conquistati dai Rakata, e fece parte dell'Impero Infinito per un certo periodo prima dell'ascesa degli Hutt.

Il cataclisma

La devastazione di Varl.png

Varl devastato da un cataclisma.

Secondo la leggenda Hutt il pianeta Varl orbitava intorno a due soli, Ardos (da cui prende nome il sistema) ed Evona. Ardos ed Evona erano venerati come divinità dagli Hutt. Evona venne consumata da un buco nero, e, in preda al dolore, Ardos esplose espellendo i suoi strati esterni gassosi distruggendo gli altri pianeti del sistema stellare nel 15.000 BBY.

In qualche modo Varl sopravvisse, anche se la sua atmosfera era ormai vaporizzata, la sua biosfera era stata annientata ed era ridotto a un deserto. Gli Hutt fuggirono da Varl prima del cataclisma, e ben presto reinsediato la loro colonia su Evocar, che prontamente ribattezzarono Nal Hutta dopo aver imbrogliato i nativi, gli Evocii. Essi credevano che, sopravvivendo al cataclisma, fossero stati elevati al rango di "semi-divinità", dando inizio ad una visione piuttosto egocentrica di sè stessi. Il pianeta venne riabitato dai discendenti dei servi abbandonati degli Hutt, con pochi squallidi centri di produzione costruiti nelle cupole ad aria.

Speculazione

La storia veniva generalmente liquidata come una favola e la teoria alternativa più comunemente accettata era che gli stessi Hutt avessero distrutto il proprio mondo in una qualche antica guerra civile.

È interessante notare che esistano prove indicanti che il deserto di crateri del pianeta Varl una volta era effettivamente un mondo rigoglioso e piacevole da abitare, e inoltre c'erano molti asteroidi, ma nessun altro mondo che orbitava intorno alla nana bianca, Ardos. Presumibilmente gli asteroidi erano i resti dei satelliti di Varl, dato che i ricercatori presso gli Archivi Baobab affermarono di aver trovato degli artefatti Hutt "sulle lune di Varl".

La storia più avanti

Varl divenne un luogo sacro nella tradizione Hutt, i quali proibirono alle altre navi di avvicinarsi, dislocando delle navi da pattuglia attorno al pianeta.

Gli Hutt rifiutarono inoltre di discutere della sorte del loro pianeta d'origine dopo l'invasione Vong.

Comparse

Fonti

Inoltre su Fandom

Wiki a caso