FANDOM


Icona-consultabile Questo è un articolo consultabile della Javapedia.

Eras-legends30px-Era-imp30px-Era-rib 30px-Era-nre

Star Destroyer classe Victory II
Star Destroyer classe Victory II
Informazioni di produzione
Costruttore
Modello

Star Destroyer classe Victory II

Classe

Star Destroyer

Costo

50.000.000 crediti

Specifiche tecniche
Lunghezza

900 metri

Motore/i

Motori Hoersch-Kessel Drive

Iperguida
  • Classe 1.0
  • Classe 15 (Backup)
Scudi

2880 SBD

Scafo

1360 RU

Armamento
Veicoli
Equipaggio

6.107

Passeggeri

1.600 truppe

Capacità di carico

8.100 tonnellate

Autonomia

4 anni

Usi
Ruolo/i
Anno d'introduzione

Qualche tempo dopo il 19 BBY

Era/e
Affiliazione/i

Lo Star Destroyer classe Victory II, noto anche come Distruttore classe Victory II, era una versione migliorata dello Star Destroyer classe Victory I. Il Victory II era il predecessore più diretto dello Star Destroyer classe Imperial.

Caratteristiche

Un Victory II durante una battaglia

Un Victory II durante una battaglia spaziale sopra un pianeta.

Anche se esteriormente simile allo Star Destroyer classe Victory I, il Victory II venne progettato appositamente per il combattimento nello spazio profondo. Con questo obiettivo in mente, i progettisti installarono in queste navi i motori della Hoersch-Kessel Drive, Inc. al posto dei soliti motori ionici LF9 per superare le debolezze del modello precedente. Dove i motori ionici LF9 non avrebbero potuto produrre l'accelerazione necessaria per spingere questi vascelli velocemente nel combattimento tra nave e nave, le nuove unità erano molto più potenti e aumentavano in modo significativo la velocità sub-luce e la manovrabilità della nave.

Oltre alla sua maggiore velocità sub-luce il cambiamento più evidente era l'aggiunta di cannoni ionici, di più banchi di turbolaser e do proiettori di raggio traente e la rimozione dei tubi lanciamissili a concussione. Il Victory II, tuttavia, mantenne la capacità del suo predecessore di operare all'interno delle atmosfere planetarie.

Storia

Gli Star Destroyer di classe Victory II vennero prodotti dopo la conclusione delle Guerre dei Cloni, ma non divennero diffusi come il Victory I.

Il Victory II venne usato come pattugliatore e per bloccare le astronavi non in regola, oltre ad avere il dovere principale di servire come pattuglia di settore. Venivano mandati in coppia o con altre navi, passando regolarmente in aree di sospette attività ribelli o pirata per pacificare il settore. Altri Victory II vennero utilizzati per effettuare missioni nello spazio profondo di interdizione a qualunque attività illegale con i loro cannoni ionici per catturare le astronavi nemiche senza danneggiarle. Queste navi venivano spesso assegnati a missioni in cui veniva richiesta la cattura dell'obiettivo per ottenere informazioni. Mentre trasportavano nell'hangar soltanto due squadriglie di caccia stellari, i Victory II si schieravano spesso con flotte di portaerei o navi di scorta ognuna con a bordo un gran numero di caccia stellari pronti per illancio immediato.

Per lo più viste come inferiori alla più potente classe Imperial, alcuni pensavano che la classe Victory sarebbe stata messa fuori servizio dopo l'entrata in scena dei design più recenti. L'ascesa della ribellione alla fine avrebbe portato l'Impero Galattico continuare ad usarle nella propria flotta in modo da avere a disposizione ogni nave capitale possibile. All'inizio della Guerra Civile Galattica l'Alleanza Ribelle catturò diverse navi di questa classe, ma vennero tutte presumibilmente perse in battaglia o ricatturate. Alcuni di questi Star Destroyer avrebbero poi prestato servizio nella Nuova Repubblica. Altri sarebbero rimasti in uso nella flotta dell'Imperial Remnant, con almeno una, la Protector, ancora in azione durante la Guerra degli Yuuzhan Vong nella Battaglia di Borosk.

Comparse

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.