Fandom

Javapedia

Ramh Kota

4 104pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comment1 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Wiki.png Questo articolo è un abbozzo. Ampliandolo aiuterai la Javapedia.

Il soggetto di questo articolo fa parte del brand "Legends".Il soggetto di questo articolo appare nella Era dell'Ascesa dell'Impero.Il soggetto di questo articolo appare nella Era della Ribellione.

250px-RahmKotaHS.jpg
Rahm Kota
Descrizione fisica
Specie

Umano

Sesso

Maschio

Altezza

1,85 metri

Colore capelli

Grigii

Colore occhi

Marroni, poi cieco

Info cronologiche e politiche
Era/e

Era dell'Ascesa dell'Impero

Affiliazione/i
Maestri

Yoda (Maestro Jedi)

Apprendisti

Rahm Kota fu un generale Jedi durante le Guerre dei Cloni. Fu uno dei pochi Jedi a scampare all'Ordine 66, e successivamente fu uno dei fondatori dell'Alleanza Ribelle.

Biografia

Vita iniziale

Prima di entrare a far parte dell'ordine Jedi, in un periodo precedente al 32 BBY, Kota si era già confrontato con la realtà della guerra, combattendo nella guerra civile che stava distruggendo il suo mondo natale. L'allora diciottenne Rahm, in questo periodo incontrò il maestro Mace Windu, giunto sul pianeta per negoziare la pace, e con lui strinse una forte amicizia, decidendo di seguirlo a Coruscant per apprendere le vie della Forza. Nonostante la sua età non fosse indicata per iniziare l'apprendistato, venne comunque preso come Padawan dal maestro Yoda , riuscendo a diventare un maestro jedi. Intorno al 32 BBY, il maestro Kota e il suo padawan, Falon Grey, furono costretti ad un atterraggio di emergenza su Kamino. Il padawan, ferito durante le fasi di atterraggio, venne curato dai kaminoani, anche se loro non erano costretti a farlo. In seguito si scoprì che i clonatori stavano creando un esercito di cloni per la Repubblica e il DNA di un Jedi sarebbe potuto servire per la creazione di un limitato numero di cloni sensibili alla Forza

Guerre dei Cloni

Scoppiate le guerre dei cloni, scese in campo, partecipando a diverse battaglie come generale. Egli scelse di non utilizzare cloni per la sue battaglie, non ritenendoli adatti a combattere, e si circondò di una propria milizia personale. Quindi, quando fu indetto l'Ordine 66, nessun clone poteva ucciderlo. Rubò uno Star Destroyer di classe Venator e sparì con la sua truppa nell'Orlo Esterno.

Resistenza contro l'impero

230px-Kota stormtrooper.jpg

Rahm Kota combatte le truppe imperiali

Divenne in seguito un alleato di Bail Organa, che gli forniva informazioni sugli obiettivi da colpire per cercare d'indebolire l'Impero. Tuttavia, durante un attacco ad una fabbrica orbitale di caccia TIE su Nar Shaddaa, fu attaccato da Starkiller (Galen Marek), apprendista segreto di Darth Fener. Il Jedi fu sconfitto dal giovane Sith che gli prese la spada laser. Dopo lo scontro, Kota riuscì a salvarsi ma, a causa dei diversi colpi subiti, perse la vista e una parte della sua sensibilità alla Forza. Il senatore Organa chiese al maestro di salvare sua figlia Leila ma il Jedi rifiutò e, con l'aiuto di Bail Organa, si rifugiò sul pianeta gassoso Bespin finchè lo stesso Galen lo trovò in uno squallido locale di Cloud City. Egli sembrò non riconoscere Starkiller, vedendolo come un alleato. Al suo vecchio nemico propone di metterlo in contatto con i maggiori oppositori dell'impero, per determinare la nascita di una ribellione. Il vecchio e cieco Jedi accetta e lo manda a liberare Leila Organa da una base sul pianeta Kashyyyk. Dopodichè, gli ordina di salvare lo stesso Bail Organa dallo spietato mondo di Felucia. Kota organizza anche un incontro con il senatore Garm Bel Iblis su Bespin.

Alleanza Ribelle

170px-Kotapalpatine.jpg

Rahm Kota attacca Darth Sidious sulla Morte Nera

Il cieco Jedi è presente quando Bail Organa proclama la nascita dell'Alleanza Ribelle su Corellia, insieme a Mon Mothma, Garm Bel Iblis e Galen Nion Marek, nominato comandante dell'alleanza. Tuttavia, era tutto un piano di Darth Fener, ordito per catturare i ribelli riuniti sul pianeta Corellia. Rahm Kota, insieme agli altri capi ribelli, fu portato sulla Morte Nera al cospetto dell'imperatore Palpatine. Qui furono salvati da Galen che, sconfitto Fener, affrontò personalmente l'imperatore che stava colpendo Kota con i suoi Fulmini di Forza. Così il Jedi e i suoi alleti riuscirono a fuggire dalla Morte Nera con una nave pilotata da Juno Eclipse. Arrivati su Kashyyyk, rivela a Juno Eclipse che ha sempre saputo la vera identità del ragazzo e che proprio grazie a lei era riuscito a diventare un Jedi abbracciando il Lato Chiaro della forza. Una volta lasciato Kashyyyk, Kota si reca sul pianeta Dantooine per cercare il suo vecchio padawan, Falon Grey. Il Jedi però era stato ucciso quindici anni prima e al suo posto vi trova il figlio genetico, X2, abbandonato dall' Impero. Il generale Kota, comprendendo la sua attitudine al combattimento e avvertendo la Forza in lui, lo recluta nell' Alleanza Ribelle e fonda sul pianeta una base Ribelle. Insieme intrapresero varie missioni, come la distruzione della Stazione della Desolazione. In seguito i due liberarono un gruppo di ribelli dalla prigione imperiale di Geonosis. Qui X2 scopre che l'Impero ha messo una grossa taglia sulla testa del Generale Kota e riesce a difenderlo da Boba Fett, giunto per riscuotere la taglia. Questi ribelli formarono lo Squadrone Grigio, chiamato così per volere di Kota in memoria del suo defunto padawan. Nell' 1 BBY Kota venne catturato da Tarko su Cato Neimoidia , dove passò ben sette giorni nell' arena, combattendo contro ogni sorta di creatura pericolosa, l'ultimo giorno combattè contro alcuni segugi Corelliani, un Nautolano, un Rancor e unità di soldati imperiali fino a quando arrivò il clone di Galen Marek, che lo salvò da un Gorog. Fuggiti dal pianeta-portafoglio neimoidiano a bordo della Rogue Shadow, Marek disse al Generale che lui non era Starkiller, ma un suo clone. Marek disse inoltre a Kota che non era disposto a combattere al fianco dell' Alleanza Ribelle, ma era alla ricerca di Juno Eclipse. Kota, infuriato per questa sua decisione, gli disse che avrebbe potuto prendere la sua nave, lasciandolo su Malastare. Presto Marek fu di ritorno dal suo viaggio su Dagobah e insieme si recarono verso la flotta ribelle di Juno nell' Orlo Esterno. Qui Kota riceve i dati da Marek del centro di clonazione di Kamino, che permise un attacco ribelle in grande stile, guidato dal generale Jedi. L'attacco ebbe successo e Kota, con l'aiuto di Starkiller, arrestò Fener. Fu una vittoria che rese l'Alleanza famosa in tutta la galassia ma fu di breve durata: nonostante i ribelli avessero conquistato con successo Timira City, Fener venne liberato da Boba Fett. Kota riuscì a chiamare alla causa ribelle la cacciatrice di taglie Shara, e la raccomandò a X2 per lo squadrone Grigio. Il maestro Rahm Kota rimase un importante esponente dell'alleanza fino alla sua morte.

Apparizioni

Inoltre su Fandom

Wiki a caso