Fandom

Javapedia

Manaan

4 108pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Wiki.png Questo articolo è per ora soltanto una bozza.

Questo articolo richiede una revisione. Ampliandolo, aiuterai a migliorare Jawapedia.

{{{nome}}}

Manaan è un pianeta immaginario della saga fantascientifica di Guerre Stellari. Esso appare nel videogioco Star Wars: Knights of the Old Republic. È un pianeta del sistema Pyrshak nell'orlo interno, come Kamino interamente coperto da oceani e abitato dai Selkath, una specie anfibia tecnologicamente avanzata.

Storia

Manaan.jpg

Ahto City.

Impero Infinito

Il pianeta fu conquistato dai Rakata, che lo inglobarono nel loro Impero Infinito, come testimoniano gli artefatti rinvenuti sul fondo dell'oceano, tra cui una mappa stellare dell'Impero che riportava le coordinate della Star Forge.

Guerra Civile Jedi

Manaan è l'unica fonte conosciuta del kolto, un liquido dalle straordinarie capacità medicamentose che viene estratto in alcune zone del fondale oceanico del pianeta e che, nonostante i ripetuti tentativi, risulta impossibile sintetizzare altrove. Ai tempi della Guerra Civile Jedi, quando il bacta non era ancora stato inventato, questo fatto conferiva a Manaan una grande importanza strategica e commerciale. I Selkath approfittarono del loro monopolio per mantenere una posizione di neutralità e commerciare sia con la Repubblica che con l'Impero Sith, realizzando grandi profitti. A questo scopo costruirono Ahto City, una città galleggiante dedicata agli scambi commerciali, nella quale c'erano sia una enclave della Repubblica che una dei Sith. Anche se nessuno tentava apertamente la conquista del pianeta per non rischiare di perdere le forniture del prezioso kolto, entrambe le parti in guerra tramavano per farsi amici i dirigenti Selkath ed estromettere i propri avversari. Ahto City presiede anche l'Alta Corte di Giustizia, un organo giudiziario con il compito di porre sanzioni ai danni dei criminali o imporre la pena capitale in caso di un crimine elevato.

Accacourt.jpg

L'Alta Corte di Ahto City.

Revan approda su Ahto City insieme a Bastila Shan e Carth Onasi in seguito ad una visione che indicava la posizione di una delle Mappe Stellari della Star Forge. Durante la Guerra Civile Jedi le forze della Repubblica, in segreta collaborazione con i nativi Selkath, non favorevoli alla presenza Sith su Manaan, costruirono una stazione subacquea per estrarre Kolto in segreto. Durante un'esplorazione di questa stazione, con lo scopo di individuare una delle Mappe (segno che una volta Manaan era parte dell'Impero Infinito dei Rakata), Revan ebbe un incontro con il Progenitore, un squalo firaxa gigante considerato dai Selkath fonte e protettore del kolto. Il Jedi riesce ad allontanare il mostro solo distruggendo il macchinario per l'estrazione del kolto, riuscendo quindi a recuperare Mappa sul fondo dell'oceano. (A discrezione del giocatore, Revan può anche avvelenare l'acqua e uccidere il Progenitore ma ciò causerebbe anche l'avvelenamento del Kolto e la rabbia dei Selkath, che bandirebbero Revan dal pianeta.) Tornato a riva verrà poi processato per diversi crimini commessi ma riuscirà a cavarsela e ad andarsene dal pianeta.

200px-Shasa.jpg

Shasa, fondatore dell'omonimo Ordine

Autonomia

In seguito alla fine della Guerra Civile Jedi, Shasa, un Selkath sensibile alla Forza salvato da Revan nell'Ambasciata Sith, formò l'Ordine di Shasa che si occupa di mantenere pace e stabilità sul pianeta.


Note e fonti

Inoltre su Fandom

Wiki a caso