FANDOM


Icona-consultabile Questo è un articolo consultabile della Javapedia.

TOR logo Questo articolo fa parte del Progetto The Old Republic.

Creando le pagine del progetto aiuterai a migliorare Javapedia.

Eras-legends30px-Era-vreArticoloCompleto30px-Buoni

Prima
Dopo

Battaglia per Kuat

Guerra del Terrore
Oricon
Conflitto

Guerra Galattica

Luogo

Oricon

Esiti

Morte dei Maestri del Terrore

Combattenti

Armata del Terrore

Impero Sith

Repubblica Galattica

Comandanti
"Non siamo più prigionieri. Liberi dalla Repubblica. Liberi dall'Impero. Entrambi cadranno prima dei Maestri del Terrore"
―Il Dread Master Raptus[src]

La Guerra del Terrore fu un conflitto durante la Guerra Galattica che pose l'Impero Sith e la Repubblica Galattica contro dei Signori dei Sith rinnegati noti come Maestri del Terrore (Dread Masters in lingua originale) sulla luna vulcanica di Oricon. Il conflitto iniziò con delle operazioni atte a raggiungere la Fortezza del Terrore, un avamposto controllato dal Dread Master Brontes. Dopo aver sconfitto i temibili difensori della Fortezza, le forze imperiali e repubblicane entrarono nel Palazzo del Terrore, la residenza dei Maestri, in cui si scontrarono contro ognuno di essi fino a sconfiggerli definitivamente nella Camera del Consiglio, ad eccezione del Dread Master Calphayus.

Antefatto

"Un tempo desideravamo un impero. Adesso, con la morte di Lord Styrak, stiamo impazzendo."
Brontes[src]

Dopo la liberazione dei Maestri del Terrore su Belsavis da parte dell'Impero Sith, e dopo la morte dell'Imperatore Sith, di cui erano i consiglieri, i sei potenti Sith decisero di impadronirsi della galassia: nella Sezione X provarono ad impadronirsi del Cannone Aurora; su Denova il signore della guerra Kephess e i suoi Warstalker proseguirono nella diffusione del terrore per la galassia[1]; su Asation i Maestri attivarono un hypergate Gree ed evocarono il potente "Terrore dal Profondo". Tutte queste operazioni furono fermate dalle forze di Impero e Repubblica.[2]

Darvannis Styrak

Styrak su Darvannis

Successivamente, mentre entrambe le fazioni erano impegnate su CZ-198, che stava venendo strappato via alla Corporazione Czerka, e su Makeb, dove era in corso uno scontro tra Repubblica, Impero e Cartello Hutt, proprio su questo pianeta l'Impero Sith cercò ancora di dar seguito ai piani dei Maestri del Terrore, recuperando la Darkstaff e i Semi della Rabbia; ancora una volta l'operazione fu sventata. Su Darvannis Styrak cercò invece di impadronirsi del pianeta controllato dagli Hutt, ma l'intervento di Repubblica e Impero, ignori della sua presenza, portò comunque alla morte del Maestro, che fu costretto a rivelarsi per fermare l'avanzata delle squadre d'attacco nemiche. Styrak venne ucciso e Darvannis liberato dalla sua follia.[3]

La Guerra

La scoperta di Oricon

Oricon locale

Oricon

In seguito alla morte di Styrack[3], la Repubblica individuò la nuova base delle operazioni dei Maestri sulla luna vulcanica di Oricon, situata all'orlo dello spazio imperiale. Sei ore dopo, fu inviata una task force sotto il controllo del Maestro Jedi Ogan-Dei per bombardare la luna dall'orbita ed estirpare la minaccia in maniera pulita, ma i Maestri del Terrore usarono i loro poteri oscuri per proiettare immagini nelle menti delle truppe repubblicane per terrorizzarle, e il risultato fu la distruzione della task force. Il Cancelliere Supremo Leontyne Saresh, venuto a conoscenza della perdita del contatto con la spedizione, chiese l'aiuto di alcuni eroi della Repubblica per viaggiare su Oricon e recuperare i superstiti.[4]

Non molto dopo anche l'Impero scoprì la posizione dei Maestri e la sorte della task force repubblicana, e così inviò una propria spedizione sotto la direzione di Lord Hargrev. Ma come anche accadde alla Repubblica, l'Impero perse il contatto con la task force quando le loro navi furono distrutte dai poteri dei Maestri del Terrore. Al ché Darth Marr chiese l'intervento dell'élite dell'Impero, prima impegnata nell'originale missione per liberare i Maestri su Belsavis, al fine di trovare Hargrev e le sue forze.[5]

L'assedio della Fortezza

Dread Fortress

La Fortezza del Terrore.

Sapendo di essere contro un nemico arduo da sconfiggere singolarmente, la Repubblica e l'Impero vennero a una momentanea tregua per combattere i Maestri. Entrambe le fazioni fecero il possibile per paralizzare l'Armata del Terrore, arrivando alla fine ad attaccare la Fortezza del Terrore, la base delle operazioni dei Maestri. Lì fecero breccia nell'ingresso e si scontrarono con degli underwalker modificati, tra cui Nefra, ai diretti comandi di Brontes, il Maestro del Terrore a capo della Fortezza. Dopo l'uccisione della creatura, gli eroi si scontrarono con le forze dell'Armata percorrendo dei cunicoli bloccati da grate e pareti crollate, fino ad arrivare al loro capitano, il Comandante Draxus, al comando di una squadra di Sith controllati dal Terrore.

Dopo aver sconfitto Draxus, oltrepassarono il suo blocco e procedettero affrontando varie creature e droidi arrivando alla Forgia della Fortezza. Questa era presidiata da Grob'Thok, un rancor geneticamente modificato, che insieme a delle squadre di Ugnaught cercò di difendere quell'area della strutture. Anche Grob'thok fu ucciso, e gli eroi giunsero a uno dei più fedeli servi di Brontes, Corruptor Zero, un droide guardiano al comando di un folto manipolo di droidi.

Sconfitto Corruptor Zero, il gruppo si trovò davanti dei tentacoli di Brontes. Questi emergevano dal terreno in più punti ed erano usati dal Maestro come ultimo baluardo di difesa. Una volta che furono fatti tornare tutti nel sottosuolo, gli eroi arrivarono nel cuore della Fortezza, dove li attendeva il Maestro del Terrore. Brontes combatté aiutata da dei cloni corrotti di Kephess, un ex-mercenario divenuto servo del Terrore. Il gruppo uccise Brontes,[6] e si preparò a procedere verso il luogo di riunione di tutti i Maestri, il Palazzo del Terrore.[7]

La conquista del Palazzo

Bestia: "Nascita."
Tyrans: "Sofferenza."
Calphayus: "Paura."
Raptus: "Morte."
Brontes: "Vivete. Conoscete la sofferenza. Avete scoperto il terrore."
Calphayus: "Adesso, rimane solo la morte."
―I Maestri del Terrore[src]
Palazzo del Terrore-Tyrans

La stanza di Tyrans

Il gruppo di eroi si introdusse nel palazzo, dove dovette affrontare pattuglie della Guardia del Terrore e bestie modificate di vario tipo. I Maestri si erano rifugiati separatamente, ognuno nella propria stanza, e il primo che gli eroi incontrarono fu Bestia. Questa, insieme alla sua 'legione' di mostri e larve del terrore, provò a resistere all'assalto, ma fu sconfitta. Successivamente, il gruppo sfidò Tyrans in una stanza il cui pavimento nascondeva un pericoloso baratro. Con astuzia e ingegno, gli eroi sconfissero il Maestro, e procedettero nella conquista del Palazzo.

Calphayus, il profeta dei Maestri, costrinse gli eroi a compiere dei viaggi nel passato e nel futuro per riuscire a demolire le visioni create dal Maestro. Nonostante la difficoltà dell'operazione, anche Calphayus fu sconfitto. L'ultimo rimasto, Raptus, trasportò gli eroi con sé, portandoli in un luogo sospeso nel vuoto tramite un portale. Lì sfidò gli eroi con competizioni, chiedendo loro di sconfiggere nemici, curare alleati o difendersi da potenti attaccanti. La sua follia venne messa a tacere, anche se momentaneamente. Infatti gli eroi, arrivando al termine del maestoso Palazzo, trovarono un'ultima stanza, la Stanza del Consiglio.

Palazzo del Terrore-Consiglio

La Stanza del Consiglio

I Maestri, accogliendoli con un tenebroso discorso, si prepararono a ucciderli, scrutandoli dai loro troni. Uno dopo l'altro, i Sith impazziti scesero dalle sedute, arrivando a combattere il gruppo tutti insieme. Ma proprio quando gli eroi stavano riuscendo a sconfiggerli una volta per tutte, tornarono sui loro troni per riposare, e al centro della stanza apparvero il fantasma di Brontes, morta nella Fortezza del Terrore[6], e il drago krayt di Styrak, morto su Darvannis.[3] I due nemici tornati all'attacco furono uccisi per la seconda volta, e allora i Maestri ripresero a combattere, mentre gli eroi cercavano di aumentare la loro potenza grazie ai semi del terrore presenti nella stanza.

Alla fine, feriti e in difficoltà, i Maestri smisero di ingaggiare gli eroi singolarmente e si riunirono al centro, accrescendo il loro potere e le loro dimensioni fisiche. Gli eroi li uccisero lì, uno dopo l'altro, finché non rimasero più Maestro del Terrore.[7] A salvarsi fu solo Calphayus, che si ritrovò nel Campo della Squadra d'Attacco della Repubblica senza sapere come essere riuscito a salvarsi; quel che ricordava è che nella sua follia aveva visto una luce, e si era ritrovato lì. Dichiarando di non essere più legato agli altri Maestri, la Repubblica ebbe pietà di lui e fece in modo che fosse curato dai Jedi.

Comparse

Note

  1. SWTOR mini Star Wars: The Old Republic—Operation: "Explosive Conflict"
  2. SWTOR mini Star Wars: The Old Republic—Operation: "Terror From Beyond"
  3. 3,0 3,1 3,2 SWTOR mini Star Wars: The Old Republic—Operation: "Scum and Villainy"
  4. SWTOR mini Star Wars: The Old Republic—Republic Missione: "Days of Dread" su Oricon
  5. SWTOR mini Star Wars: The Old Republic—Imperial Missione: "A Master Revealed" su Oricon
  6. 6,0 6,1 SWTOR mini Star Wars: The Old Republic—Operation: "Dread Fortress"
  7. 7,0 7,1 SWTOR mini Star Wars: The Old Republic—Operation: "Dread Palace"

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale