Fandom

Javapedia

Forn Dodonna

4 110pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

MonMothma.jpg Questo articolo riguardante un personaggio è per ora soltanto un abbozzo.

Ampliandolo aiuterai a migliorare la Jawapedia.

Il soggetto di questo articolo fa parte del brand "Legends".Il soggetto di questo articolo appare nella Era della Vecchia Repubblica.

Forn Dodonna
Informazioni biografiche
Pianeta madre

Coruscant[1]

Descrizione fisica
Sesso

Femminile[2]

Altezza

1.80 metri[1]

Colore capelli

Castani[2]

Colore occhi

Grigi[2]

Informazioni cronologiche e politiche
Affiliazione/i


Forn Dodonna era un Ammiraglio della Marina della Repubblica in servizio durante la Guerra Civile Jedi. Fu lei a comandare, insieme al maestro jedi Vandar Tokare, la flotta navale che attaccò la stazione spaziale conosciuta come Star Forge, sconfiggendo le forze del Signore Oscuro dei Sith Darth Malak.

Biografia

Dodonna era uno degli ufficiali più abili e influenti della Repubblica Galattica ma ebbe la sventura di affrontare gli eserciti Sith di Revan e Malak, la cui grandezza e potenza stavano mettendo in ginocchio il governo galattico. Quando ormai tutto sembrava perduto, Dodonna ricevette una chiamata dal pilota Carth Onasi, il quale la informò che lui e il gruppo che faceva capo ad un redento Revan avevano scoperto l'ubicazione della Star Forge, la misteriosa fabbrica dalla quale i Sith producevano le loro forze armate. Dodonna radunò la sua flotta e partì immediatamente; lungo la loro rotta, l'armata trovò un gruppo di Jedi, fra cui Vandar Tokare, in fuga dall'Enclave di Dantooine, distrutta da un bombardamento orbitale dei Sith.

Appena arrivata, Dodonna si trovò davanti un'immensa flotta nemica a difesa della stazione spaziale; la battaglia cominciò subito e la schiacciante superiorità numerica dei sith provocò gravi perdite tra le file repubblicane. Quando Onasi la contattò nuovamente, l'Ammiraglio gli confessò che pensava ad una ritirata; il pilota però la convinse a non farlo, perché non ci sarebbe stata un'altra occasione così. Il Maestro Vandar suggerì di inviare un gruppo di Jedi capitanato da Revan a uccidere Malak: Dodonna accettò. Contro la flotta repubblicana giocava anche la Meditazione da Battaglia di Bastila Shan, la Jedi sedotta al Lato Oscuro della Forza da Malak. Fortunatamente Revan riuscì a sconfiggerla ed a riportarla nel Lato chiaro della Forza. Bastila quindi usò la sua incredibile abilità contro i sith garantendo alla repubblica un vantaggio determinante: Dodonna lanciò tutte le sue forze nella breccia creatasi nello schieramento nemico, riuscendo così a disperdere le navi nemiche. Mentre la flotta Sith batteva in ritirata, Revan comunicava la morte di Malak, permettendo così alla flotta repubblicana di distruggere la Star Forge. Sul vicino pianeta, Lehon, si tennero quindi le celebrazioni per la grande vittoria. Dodonna decorò Revan e gli altri membri dell'equipaggio dell'Ebon Hawk con la Croce di Gloria, la più alta onorificenza della Repubblica, per il loro ruolo cruciale nella sconfitta dell'Impero Sith.


Apparizioni

Fonti

Note

  1. 1,0 1,1 The Complete Star Wars Encyclopedia
  2. Errore nella funzione Cite: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Kotor

Inoltre su Fandom

Wiki a caso