Fandom

Javapedia

Braden

4 105pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Icona-consultabile.png Questo è un articolo consultabile della Javapedia.

Il soggetto di questo articolo fa parte del brand "Legends".Il soggetto di questo articolo appare nella Era della Vecchia Repubblica.

Braden.png
Braden
Informazioni biografiche
Morto/a

3643 BBY su Nal Hutta

Descrizione fisica
Specie

Umano

Sesso

Maschio

Colore capelli

Marroni

Colore occhi

Blu

Informazioni cronologiche e politiche
Era/e

Era della Vecchia Repubblica

Affiliazione/i

Repubblica Galattica


"Voi andate avanti. Non me ne vado senza il Wookiee"
―Braden a Gin Lesl

Braden era un cacciatore di taglie Umano maschio; si fece un nome accettando contratti da entrambe le fazioni durante la Grande Guerra Galattica. Non era un mercenario senza valori: aveva le sue regole e si guadagnava da vivere facendo l'unica cosa di cui era capace. All'inizio lavorava per la Repubblica Galattica, pur avendo con essa un rapporto problematico. Un cacciatore di taglie deve la sua lealtà soltanto a chi lo paga, e l'Impero era indubbiamente il miglior cliente. Riuscì a intascare la ricompensa per i suoi lavori, ma s'inimicò entrambe le parti, compromettendo i suoi affari.

Biografia

Trattato di Coruscant

Braden.jpg

Braden viene informato che il suo contratto con la repubblica è saltato

Durante la Grande Guerra Galattica, Braden stava dando la caccia al wookiee Dalborra su Dantooine. Mentre stava osservando Dalborra con l'electrobinocolo ricevette un messaggio sul suo oloproiettore portatile da parte del suo cliente, il comandate Gin Lesl della divisione delle Forze speciali della Repubblica. Lo informò del trattato di Coruscant, gli spiegò che era stato firmato un cessate il fuoco tra l'Impero Sith e la Repubblica e quindi gli chiese di interrompere la caccia. Braden si rifiutò rispondendo che molti altri avevano messo un taglia sul possente Dalborra. Lesl sapeva che uccidere Dalborra avrebbe potuto danneggiare la relazione tra le due fazioni, quindi ordinò a un suo pilota di fare fuoco con i missili a concussione sulle coordinate di Braden. Braden sopravvisse ma venne trovato dalla sua preda.

Dalborra lo scortò a bordo di una nave da guerra sith che stava trasferendo i prigionieri su Korriban. Durante il passaggio nel settore Kuat del Nucleo, la nave da guerra fu attaccata dalla Envoy, una nave da trasporto repubblicana.

Sulla nave da guerra sith Braden era tenuto dentro una cella di detenzione vicino a quella del Maestro Jedi Dar'Nala, assistendo cosi alle torture che il jedi stava subendo per mano del capitano della nave. Il capitano voleva che il Jedi ammettesse che la nave repubblicana aveva attaccato la sua nave da guerra e non il contrario. Tra le varie torture Braden chiese a Dar'Nala perché non avesse semplicemente risposto al capitano sith dicendogli quello che si voleva sentir dire, lei rispose sostenendo di sapere la verità, una verità che la repubblica aveva bisogno di sapere. Troppo debole per scappare dalla nave sith usò la forza per aprire la cella di Braden alla sola condizione che lui accettò, promettendo di portare il messaggio del tradimento dei sith al Maestro Jedi Zym e al cavaliere jedi Satele Shan su Coruscant. Braden accettò e rubò un caccia stellare Mark VI classe supremacy dall'hangar della nave. Quello che non disse al Jedi era che aveva intenzione di fare una breve sosta su Nar Shaddaa prima di andare a Coruscant e mantenere la sua promessa.

Sithfighter-braden.jpg

Braden scappa dalla custodia degli imperiali usando un cacciastellare Sith

Braden alla fine arrivò su Coruscant e andò alle rovine del tempio jedi per parlare con Zym, il Gran Maestro Jedi. Quando trovò Zym con lui trovò anche il capitano repubblicano responsabile della sua disgrazia su Dantooine, quindi senza pensare la uccise. Poi si rivolse a Zym per dargli il messaggio di Dar'Nala, ma Zym provò ad arrestarlo per aver sparato a un capitano della Repubblica. Braden uccise il Gran Maestro e lasciò Coruscant senza dire a nessuno che il Signore dei Sith Darth Baras era dietro l'attacco avvenuto sulla Envoy. Nel frattempo delle bombe piazzate da agenti sith distrussero parte del Senato Galattico. La partenza di Braden fu monitorata anche dal suo perenne nemico Dalborra.

Braden ritornò su Nar Shaddaa e informò un suo amico del messaggio che doveva consegnare. Qualche tempo dopo Braden fu rintracciato e arrestato dal maestro jedi Orgus Din, che voleva sapere il nome di chi gli aveva dato il lavoro. Braden rivelò di non sapere nulla del bombardamento del palazzo del Senato e se avesse voluto l'avrebbe aiutato a rintracciare chi c'era dietro le continue violazioni del trattato, ma per farlo dovevano andare su Dantooine. Din assecondò le richieste, fu cosi che Braden incontro Satele Shan, l'apprendista di Dar'Nala. Braden si ricordò che Dar'Nala voleva che anche Satele sapesse la verità e venisse informata del tradimento di Baras.

Braden riusci a scappare dalla custodia di Din e alla fine catturò Dalborra. Nel frattempo si scoprì che dietro alle violazioni del trattato c'era Dar'Nala e fu uccisa. Per un periodo il Trandoshano Qyzen Fess lavorò come cacciatore di tagli per Braden, ma Fess se ne andò per poter cacciare un Rancor.

Morte

Una decina di anni dopo l'inizio della guerra fredda Braden trovò un nuovo pupillo degno di competere nella grande caccia fatta per tutti i cacciatore della galassia. Portò il suo pupillo su Nal Hutta per introdurlo al suo nuovo equipaggio, Mako, un'esperta slicer femmina che Braden trovò su Nar Shaddaa e Jory un Nikto esperto d'armi. Mako poi dichiarò al pupillo che quando Branden parlò di lui a lei e Jory aveva un sorriso che andava da un orecchio all'altro, era cosi felice che non riusciva a smettere di sorridere. Ma mentre il pupillo era fuori a recuperare una taglia su un uomo di nome Vexx per guadagnarsi il favore di Suudaa Nem'ro de Hutt, Braden e Jory vennero uccisi da Tarro Blood, un mandaloriano che stava cercando di eliminare la concorrenza. Il pupillo di Braden e Mako, scoperto il crimine commesso da Blood, giurarono di vendicare Braden e Jory. Mako provvide a dargli una degna sepoltura mentre il pupillo riuscì a vincere il suo sponsor per la Grande Caccia.

Equipaggiamento

Braden, in quanto cacciatore di taglie, possedeva un vasto arsenale, che comprendeva due pistole blaster, un lanciafiamme e degli elettrobinocoli. Indossava un'armatura pesante da Mandaloriano, con un tubo respiratorio incorporato in essa. Aveva inoltre un oloproiettore portatile.[1]

Comparse

Altre lingue

Errore nella funzione Cite: Sono presenti dei marcatori <ref> ma non è stato trovato alcun marcatore <references/>

Inoltre su Fandom

Wiki a caso